Santorini: 10 cose da vedere e fare sull’isola, guida di viaggio

Cosa vedere a Santorini. I luoghi d’interesse dell’isola, la sua storia, come muoversi, quale spiaggia visitare,dove alloggiare, dove assaggiare il vino più buono, quanti giorni stare e molto altro dell’isola delle meraviglie.

Girando su Instagram le foto che attirano maggiormente la mia attenzione sono quelle dei magnifici tramonti scattati tra i tetti e le cupole blu delle chiese sull’isola di Santorini.  Arrivare all’isola dal mare è molto suggestivo. Entrati nella caldera ti trovi di fronte ad un muro lavico nero che ti circonda quasi completamente e sopra, a picco sul mare, i paesi tutti bianchi e azzurri che risaltano sul nero della roccia. Abbiamo grandi aspettative da questa isola, secondo voi siamo rimasti delusi oppure entusiasti dal visitare Santorini?

Santorini, l’isola dell’arcipelago delle Cicladi ha molto da offrire a livello culturale/storico, enogastronomico e della movida. Qui ricordiamo la storia dell’isola e la fine dei suoi antichi abitanti, l’importanza e l’eccellenza dei suoi vini ed i piccoli ma numerosi locali caratteristici che rendono l’isola una delle più ambite mete della Grecia. Ed i tramonti? Ne vogliamo parlare? Qui arrivano fotografi, modelle e personaggi illustri da tutto il mondo per ammirarli ed immortalarli nelle loro magnifiche opere, tramonti che solo l’isola di Santorini sa regalare.

Santorini, Grecia
Oia, Santorini, grecia

 

SANTORINI: 10 COSE DA VEDERE E FARE SULL’ISOLA,  LA NOSTRA PICCOLA GUIDA DI VIAGGIO

  1. Fira, il capoluogo di Santorini, arroccato sul punto più alto della caldera regala ai visitatori una magnifica vista dell’isola di Nea Kameni ,che è ancora un vulcano attivo, e le altre isole poste di fronte al paese. Puoi perderti tra i suoi vicoli stretti pieni di negozi importanti, gioiellerie, locali tipici e negozi di souvenir, è un paese molto turistico e lo si vede anche da questo. L’antico porto di Santorini si trova proprio al di sotto di Fira e per risalire al paese si possono percorrere gli oltre 500 gradini, oppure con la telefelica al costo di 6 euro. Molti turisti scelgono di farlo sul dorso dei muli, il costo è uguale alla telefelica , sicuramente è molto suggestivo pero non devi soffrire di vertigini. Essendo animali lasciano escrementi ovunque e nelle calde giornate estive si può sentire l’odore pungente, ma molti turisti vengono a Fira proprio per provare l’emozione di salire sul dorso di un mulo. La piazza principale di Fira, che si affaccia sulla caldera, ospita la grande cattedrale ortodossa e molti locali con la terrazza a picco sul mare.
    Fira, Santorini, Grecia
    Fira, Santorini, Grecia

    Fira, santorini, Grecia
  2. La Caldera, una delle attrazioni maggiori dell’isola che regala una vista mozzafiato sui luoghi maggiormente turistici di Santorini. Nata dal crollo della camera magmatica del vulcano oltre 10.000 anni fa.

    Caldera, Santorini, Grecia
  3. Red Beach, una delle spiagge più suggestive ed affollate di Santorini. La Red Beach è unica nel suo genere qui, non è molto grande, come la maggior parte delle spiagge dell’isola, e la sua sabbia rossa crea dei colori sull’acqua interessanti. Per arrivare alla red beach prendere la epal.od.Firon-Ormou Perissis fino alla fine, la troverete dopo al sito archeologico di Akrotiri.
  4. Sito di Akrotiri, qui ci sarebbe molto da dire. Ho letto su altri siti che nella città fu sepolta la popolazione sotto cumuli di cenere, lapilli e una colata di lava. Be, da quello che ci ha raccontato la nostra guida non è andata proprio così.  Durante gli scavi per ricavare il materiale per la costruzione del Canale di Suez , furono ritrovati i resti di questa antica città risalente all’era minoica. Con il passare degli anni il sito è stato protetto da una enorme copertura moderna che permette alle grandi finestre di aprirsi e chiudersi automaticamente a secondo delle condizioni metereologiche. La città che fu ritrovata era costruita in pietra e legno, quest’ultimo è andato a scomparire con il passare degli anni e, durante gli scavi è stato sostituito con il cemento per permettere il mantenimento delle strutture, che altrimenti sarebbero crollate. C’è ancora molto da scavare ma quello che abbiamo visto ci ha colpito molto. Le opere rinvenute all’interno degli scavi sono state trasferite nei musei di Creta e Atene. La cosa che ci ha colpito maggiormente è stata la sorte che è capitata agli abitanti dell’antica città: quando sentirono che il vulcano si stava risvegliando, gli antichi abitanti di Akrotiri fuggirono ma, capendo che era un falso allarme ritornarono alle loro abitazioni. Dopo alcune settimane il vulcano si fece ancora più minaccioso e la cenere iniziò a cadere sulle abitazioni, gli abitanti lasciarono di nuovo le loro case e si allontanarono dal vulcano. Il fato a voluto che una forte scossa di terremoto colpisse il luogo dove si erano rifugiati e l’intera popolazione sprofondò nel mare, non venne più ritrovata.  La città fu sepolta solo dalla cenere ed adesso se ne possono rivedere i resti.  Io ho trovato la storia ed il sito molto interessante. Per visitarlo occorrono 1/2 ore ed il costo è di 12 euro, 6 il ridotto. Si trova a circa 20 min da Fira.
    AkrotirI,SANTORINI, GRECIA

    Akrotiri, Santorini, Grecia
  5. Santo Wines, a Pirgos,  circa 10 minuti da Fira in direzione Akrotiri, possiamo trovare questo suggestivo locale posizionato proprio sopra alla caldera, che regala una vista mozzafiato. Qui abbiamo potuto assaggiare alcune specialità del luogo: formaggi, polpettine, olive e abbiamo assaggiato i suoi vini molto gustosi. Santorini è famosa per i suoi ottimi vini che sgorgano più dell’acqua, visto che l’isola ne è priva.

    Santo Wines, Santorini, Grecia
  6. Imerovigli, nella parte alta dell’isola sorge il villaggio Imerovigli, ospita le rovine della fortezza di Skaros e la cappella di Panagia Theoskepasti costruita su una roccia enorme.
  7. Oia o come si pronuncia IA, è il paese più conosciuto e fotografato di tutta l’isola di Santorini. Migliaia di turisti arrivano da tutto il mondo per ammirare i suoi tramonti impreziositi dalle cupole blu delle chiese. Molti personaggi famosi hanno acquistato un’abitazioni in questo piccolo paese, la sua fama ha salpato gli oceani e questo ha i suoi pro e contro. Nei periodi di alta stagione camminare per le vie di Oia è praticamente impossibile, i prezzi di alberghi e oggetti vari è notevolmente salito, ma è sicuramente il luogo più magico di tutta Santorini.
    Oia, Santorini, Grecia
    Oia, Santorini, Grecia
    Oia, Santorini, Grecia
    Oia, Santorini, Grecia

    Oia. Santorini, Grecia
  8. Firostefani, merita una visita per vedere l’altra faccia di Santorini, quella più tranquilla e meno mondano, ma non meno affascinante delle altre.
  9. Kamari Beach, è la spiaggia più grande dell’isola e la più adatta alle famiglie. La sabbia vulcanica che caratterizza l’isola di Santorini la fa da padrone,  l’acqua è trasparente e pulita ma non risalta, a parer mio.
  10. Palea Kameri e le sue acque calde, affittando una barca potrete fare un’escursione al vulcano ancora attivo situato sull’isola di Nea Kameri e poco lontano, vicino all’isola di Palea Kameri sarà possibile fare il bagno nelle acque riscaldate e solfuree del vulcano.

    Santorini, Grecia

 

QUANDO ANDARE A SANTORINI

Da Aprile a Novembre le temperature sull’isola si mantengono abbastanza alte, Sicuramente il periodo di Luglio e Agosto sono quelli più caldi e più affollati e si vede quando cammini tra i vicoli di Oia e Fira nelle ore di punta. Praticamente non si riesce a camminare, bisogna aspettare ore per poter fare una foto decente senza mille persone alle spalle, la coda nei locali e negozi è assicurata. Per non parlare della coda per prendere la telefelica a Fira.

 

COME MUOVERSI A SANTORINI

Se arrivate in aeroporto : qui potete decidere se affittare un’automobile, un quad o un motorino, ricordate che le strade di Santorini non sono sempre messe in sicurezza ed il vento che tira a volte forte potrebbe farvi sbandare con il motorino. E meglio prenotare dall’Italia se andate in alta stagione. Potrete prendere anche il pullman che con 1,80 euro vi condurrà a Fira.

Se arrivate da un’altra isola e quindi al porto: stesso discorso, potrete trovare gli autobus che vi condurranno alla vicina Fira.

 

DOVE MANGIARE A SANTORINI

Partiamo dal presupposto che troverete migliaia di localini carini, con l’affaccio sulla caldera o sul vicoletto carino in tutti i paesini di Santorini, ricordate solamente che se decidete di mangiare a Oia  i prezzi saranno più elevati, a Fira leggermente meglio e nei paesi meno affollati riuscirete a mangiare a prezzi decenti. Lo stesso discorso vale per il dormire.

A Fira vi consiglio un aperitivo al V Longe

Per mangiare a Finikira, vicinissima a OIA, il Lefkes. Cucina tipica rivisitata molto buona, locale giovanile e un buon rapporto qualità prezzo.

A Oia al Pyto Gyros per una cosa tipica ma veloce.

 

QUANTI GIORNI STARE A SANTORINI

A detta anche di altre amiche che hanno soggiornato a Santorini una settimana, è un po troppa. Potrete abbinarla magari con un’altra isola vicina. L’ideale sarebbero tre notti.

 

Spero che vi sia stata utile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *