Crociera nel Mediterraneo

In Crociera con MSC Sinfonia nel Mediterraneo. Da Ancona alla Laguna di Venezia per giungere a Spalato , dopo un giorno di navigazione, a Santorini e Mykonos , ultima tappa la città di Dubrovnik. Venite con noi?

Diario di bordo, data astrale ……, be in questo caso è più:” mare profumo di mare, sento che sto lasciandomi andare è colpa del mare del cielo e del mare…..”. Vi ricordate questa canzone a quale serie TV era abbinata? LOVE BOAT.  Ancora ricordo i personaggi di questo telefilm, che solitamente guardavo in estate sognando una crociera. Be , questa volta sembra che il sogno si sia avverato.

Dopo vari imprevisti, riusciamo a prenotare la nostra crociera due giorni prima della partenza. Abbiamo provato varie volte a prenotare una qualsiasi crociera ma, ho il prezzo era troppo elevato oppure non c’era una cabina disponibile per 4. Questa volta, stranamente, la crociera trovata sul sito Last minute , https://www.it.lastminute.com/  è una bella offerta  in cabina da 4. La fortuna ci ha assistito e le nostre ricerche sono state premiate.
Le  tappe per la crociera saranno:

– Venezia

Venezia

– Spalato

Spalato

– Santorini

Santorini, Oia
Oia Santorini

-Mikonos

Mykonos
Mykonos

– Dubrovnik

Dubrovnik
Dubrovnik

Con 2 giorni di navigazione in cui potremo godere della nave.

Cosa abbiamo visto, come ci siamo mossi per visitare le varie mete, cosa si fa sulla nave durante la navigazione?

Iniziamo con il dire che eravamo un po’ intimoriti dal vivere sulla nave per una settimana. Le nostre paure erano infondate, la crociera è stata molto gradita dai curiosi. Noi abituati a viaggiare in autonomia, a decidere cosa vedere e per quanto tempo, senza limiti di orario, abbiamo dovuto un po rivisitare il nostro modo di viaggiare e ci è piaciuto. Ci sono piaciuti i momenti di navigazione tra un luogo e l’altro, perché abbiamo avuto il modo di rilassarci, giocare insieme, fare il bagno e prendere il sole senza doverci preoccupare del navigatore, il traffico ecc.

 

La mia esperienza in Crociera con MSC Sinfonia

Le cose che ho apprezzato di meno della Crociera

  • Le code per scendere e salire dalla nave ad ogni destinazione. Sono sicuramente una cosa molto fastidiosa, anche se queste code molte volte erano dovute ai controlli più che necessari per salire a bordo. Indispensabili per stare tranquilli sulla nave.
  • Le code per i pasti, fatta solamente il primo giorno. Poi, vedendo che la maggior parte delle persone andava a mangiare alle 14.00, bastava scegliere un ‘altro orario, noi solitamente mangiavamo alle 13.00 con un po’ più di tranquillità. Per la cena no problem avendo il tavolo prenotato.
  • Il caos intorno alla piscina nei giorni di navigazione, be, devo dire che sistemare 2000 persone circa intorno a due piscine non è semplice. Noi abbiamo trovato un luogo più tranquillo al piano di sopra,  con le giornate calde siamo stati molto bene, il problema si pone nelle giornate ventose.
  • La Lingua,  siamo rimasti stupide del fatto che la maggior parte dello staff della nave non parlasse Italiano, io posso capire che in una nave del generi è d’obbligo parlare inglese, ma ricordiamoci che stiamo facendo una crociera nel Mediterraneo che tocca 2 porti Italiani, la compagnia Italiana e lo staff che non parla una parola della nostra lingua? Si dovrebbero mettere nei panni di persone anziane o comunque di chi non parla Inglese che, in caso di necessità, potrebbe trovarsi in difficoltà.
  • La wifi, solo a pagamento, credo che invece sia giusto , in un viaggio in cui non hai la possibilità di connetterti, se non con il satellitare pagando una cifra spropositata, che ogni passeggero abbia qualche minuto di wifi gratuita al giorno, magari per inviare qualche messaggio  ai propri cari nei giorni di navigazione.

Le cose che ho apprezzato di più della Crociera

  • La noia, be la nave è come un grande villaggio con animazione, momento un cui si balla, si gioca, ci si diverte. Il minigolf è stato sicuramente il momento della giornata in cui ci siamo fatti più risate con i ragazzi. Be poi se proprio non si sa che fare, si mangia!!!! Sempre, qualsiasi cosa, pizza, hamburger, patatine, frutta; in qualsiasi ora!! La sera teatro, piano bar e ballo. Cos’è la noia?
  • La cosa più bella e mangiare al ristorante con vista mare, arrivare al porto e vedere le città dall’alto, be penso che oramai è noto che amo i panorami e fare le foto.
  • I tramonti, è stata veramente una cosa magnifica ammirarli, magari prendendo un aperitivo al bar in piscina o passeggiando sul pontile oppure mentre ci stavamo preparando per la cena, dalla finestra della nostra cabina.
  • Poter visitare tanti luoghi diversi con una sola vacanza, dalle isole alle città  più conosciute, passare da uno stato all’altro.
  • La possibilità, se ne hai voglia, di organizzarti la tua escursione a terra in totale autonomia, senza per forza dover prendere le escursioni della nave.
  • La gentilezza dei camerieri e dei ragazzi addetti alle camere.
  • Il ritrovare la camera rifatta e sistemata varie volte durante la giornata, ripulita o semplicemente riorganizzata per la notte.
  • La wifi mancante, si, devo dire che è stato un modo per scollegarci dal resto del mondo. Non parlo solo di noi adulti ma soprattutto dei ragazzi che sappiamo quanto tempo trascorrono sui social a guardare video ecc. Il tempo lo abbiamo dedicato per stare più tra di noi.
  • La cena, si la cena è stato il past che abbiamo apprezzato di più sicuramente, non solo perché era servito al tavolo ma soprattutto  la qualità del cibo e la presentazione non avevano nulla da invidiare ad un grande ristorante stellato.

La crociera nel mediterraneo è fatta di storia, cultura, paesaggi magnifici, mare e mete turistiche. Puoi visitar diverse città e spiagge, puoi passare da una nazione ad un’altra ed assaporare la loro cucina oltre a conoscere la loro storia.

Noi siamo passati dal visitare le magnifiche isole che popolano la baia di Venezia, Murano e Burano, con la  fabbrica di vetro soffiato ed i magnifici ricami delle maestre ricamatrici. Siamo rimasti incantati dai colori delle loro abitazioni che si riflettevano nelle acque dei  canali. La storia a Spalato, ammirando il centro storico patrimonio dell’UNESCO ed il palazzo di Diocleziano. Da qui siamo arrivati in Grecia e più precisamente a Santorini, per conoscere la storia dell’isola ed i suoi antichi abitanti costretti ad abbandonare la città per la minaccia del vulcano e poi sprofondati nel mare a causa del terremoto. Abbiamo ammirato il magnifico paesaggio delle sue due città più conosciute Oia e Fhira, collocate proprio sopra alla caldera del vulcano. Bevuto dell’ottimo vino ed assaggiato alcune delle sue specialità. Abbiamo passeggiato per le vie di Mikonos al calar del sole, quando i locali iniziano a prendere vita e si popolano di centinaia di turisti intenti a mangiare, ballare e gustare le sue specialità. Passeggiare per little Venice ed ammirare i mulini a vento che sovrastano la città di Mykonos. Le mille luci che  riflettono nel suo mare cristallino. Camminare a piedi nudi per la città alle 11 di sera perché mi si è rotta una scarpa nuovissima mentre tutti mi guardano perplessi, be, questa è un’altra storia. Poi Dubrovnik, molto sottovalutata da noi, che invece ci ha entusiasmato con le sue scalinate immense in pietra e le mura che cingono la città vecchia, è stato bellissimo camminare in una città così funzionante, sia per quanto riguarda i trasporti pubblici che per la pulizia e l’organizzazione del suo centro storico. Un po cara, per salire sulle mura il costo è di 150 Kn circa 20 euro a persona. Di tutto questo e molto altro vi parlerò nel prossimo post.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *