Riso mantecato, funghi misti e mascarpone. Cremosità e gusto

RISO MANTECATO, FUNGHI MISTI E MASCARPONE

Riso mantecato, funghi misti e mascarpone. Il gusto delicato del mascarpone, la consistenza dei funghi ed il sapore del parmigiano. Un risotto molto semplice da preparare che apprezzerete sicuramente. Terminato il risotto ho voluto dargli un po di grinta con una salsa di paccasassi che mi era stata donata, voi in assenza potrete dargli una nota più consistente con un po di pesto. Comunque è ottimo e molto delicato anche senza le salse. La ricetta la trovate priva di queste salse e vi assicuro che è molto buono.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 scalogno piccolo
  • 300 g. di riso carnaroli, io avevo solamente l’originario ed ho utilizzato quello
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 80 g. di mascarpone
  • 60 g. di parmigiano grana
  • 2 cucchiai di olio evo più 1 abbondante per la mantecatura
  • sale qb
  • brodo vegetale per la cottura del riso
  • 200 g. di funghi misti, io ho utilizzato quelli congelati
  • salsa di paccasassi, specialità di Ancona, o pesto alla genovese a piacere
PROCEDIMENTO DEL RISO MANTECATO, FUNGHI MISTI E MASCARPONE

Tagliate lo scalogno molto finemente. In una pentola ampia fate appassire lo scalogno insieme a 2 cucchiai di olio evo. Unite il riso e fatelo tostare per alcuni minuti. Sfumate con il vino bianco ed aspettate che evapori, mescolando. Aggiungere i funghi misti, un pizzico di sale e portate il riso a cottura aggiungendo di tanto in tanto il brodo vegetale.

RISO MANTECATO, FUNGHI MISTI E MASCARPONE
procedimento

Quando il riso sarà cotto, abbassate la fiamma ed aggiungete il mascarpone e il parmigiano. Passate un filo di olio e mantecate bene tutti gli ingredienti. Il riso dovrà risultare molto cremoso. Se vi accorgete che il riso vi si è asciugato troppo, aggiungete un filo di brodo vegetale per dargli la giusta fluidità.

Impiattate. Adesso decidete se volete aggiungere le salse verdi oppure assaporare così il vostro piatto.

Buon appetito e alla prossima.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *